Il lario e le sue valli: paesaggi del romanico lombardo

Alberto Novati,Francesco Sala
GWMAX
9788899916145
Storia dell'architettura,Storia dell'arte: arte bizantina e medievale dal 500 d.C. al 1400 d.C.

25,00

Confronta

Descrizione

Qual è l’interesse profondo che ci spinge a studiare e analizzare un territorio come quello del Lago di Como, in particolare alcune parti del bacino di Como e dell’alto lago, in un periodo particolare, quello del cosiddetto romanico, che non è schematizzabile entro limiti precisi, che temporalmente si distende tra la fine del mondo romano e la nascita dell’Europa; in una collocazione geografica direttamente relazionata ai grandi itinerari istmici compresi tra il Mediterraneo e il mare del Nord, tra la piana del Po e la piana del Reno? L’interesse è quello di poter indagare le diverse strutture insediative che hanno costruito l’insediamento nel tempo e il permanere e il mutare del linguaggio architettonico comune che per diversi millenni ha dato forma al paesaggio dell’umanità varia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il lario e le sue valli: paesaggi del romanico lombardo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *